«

gen 17

9° CORSO RICERCA E STABILIZZAZIONE DEL TRAVOLTO DA VALANGA “VALTER BUCCI”

9° e 10° CORSO RICERCA E STABILIZZAZIONE DEL TRAVOLTO DA VALANGA “VALTER BUCCI”

Si terra dal 25 al 27 gennaio 2019 e dal 22 al 24 febbraio 2019  sul Gran Sasso D’Italia il 9°e 10° corso di ricerca e soccorso al travolto da valanga. Corso dedicato al compianto Valter Bucci. Il primo corso “Ricerca e Stabilizzazione del Travolto da Valanga” risale al 2006 e derivava dalla consapevolezza di non essere preparati ad affrontare un mostro che da sempre è in agguato negli inverni in montagna, in bilico sui pendii dove è più bello andare. Sapevamo che saremmo stati chiamati a intervenire per cercare e soccorrere le vittime di valanga: avevamo una buona preparazione tecnica alpinistica, ma mancava una specifica competenza medica. Mancava quel prodotto alchemico dato dalla trasmutazione sul terreno delle conoscenze teoriche e dell’esperienza pratica in una capacità a gestire situazioni complesse e straordinarie. Negli anni successivi le nostre vite sono cambiate, le nostre montagne sono state mute testimoni di terribili eventi, la brezza della natura e divenuta tempesta, in pochi anni le parole terremoto e valanga hanno assunto il peso del vissuto. Il SASA (Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzo) ha salvato vite e ne ha perse in una guerra senza vincitori. Abbiamo imparato una nuova parola, “resilienza”: la capacità di assorbire un urto senza rompersi. In realtà dentro di noi molto si è rotto, producendo una faglia che divide il prima dal poi. Valter ci ricordava che “un abruzzese si piega solo per raccogliere la genziana”, pertanto fare tesoro delle esperienze acquisite e trasmetterle agli altri è diventato per noi un dovere morale. Nulla si fa da soli, questo è il risultato corso delle competenze acquisite da tanti uomini e donne, medici e infermieri, alpinisti e guide alpine, cinofili e soccorritori, piloti e tecnici di volo nel ricercare e stabilizzare il travolto da valanga sulle montagne italiane. Da 65 anni il soccorso in montagna risponde ad un acronimo CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico), una sigla che marchia questo evento formativo con l’autorevolezza di chi le cose le fa e cerca di migliorarsi nel farle. Il corso è rivolto a medici e infermieri che hanno voglia di confrontarsi con un evento particolare come la valanga, dove prima di poter soccorrere un paziente bisogna trovarlo e scavarlo, dove i normali protocolli clinici dell’emergenza cedono il posto a specifiche indicazioni cliniche, dove trauma, asfissia e ipotermia rappresentano l’alfa e l’omega di un soccorso. Tre giorni di montagna, neve e soccorso possono tradursi nel poter offrire una maggiore speranza di sopravvivenza. Le lezioni frontali si alternano ai simulati in aula e alle esercitazioni in ambiente. Gli scenari proposti sono direttamente derivati da soccorsi in valanga realmente avvenuti e sono condotti da coloro che li hanno gestiti. Non ci saranno solo figuranti, ma anche manichini di ultima generazione capaci di riprodurre gli aspetti clinici di un travolto da valanga e permettere di eseguire tutte le manovre di soccorso necessarie. Il corso è dedicato a uno di noi. Informazioni e iscrizioni www.laquilando.it