«

»

nov 20

DALLA LETTERATURA : REVISIONE SISTEMATICA SUGLI INTERVENTI ATTI A RISCALDARE LE PAZIENTI DURANTE TAGLIO CESAREO.

DALLA LETTERATURA : REVISIONE SISTEMATICA SUGLI INTERVENTI ATTI A RISCALDARE LE PAZIENTI DURANTE TAGLIO CESAREO.

È cosa risaputa da tutti gli operatori sanitari che: “le donne sottoposte a taglio cesareo siano a rischio di ipotermia perioperatoria”.

Ma molti non sanno quali sono i presidi e le strategie migliori per preservare l’equilibrio termico di queste pazienti.

Vi invitiamo  quindi a leggere la “review” sull’argomento pubblicata su Worldviews Evid Based Nurs. del 30 sep. 2014.

Dal titolo : “A Systemic Review of the Effectiveness of Warming Interventions for Women Undergoing CesareanSection

METODI

Sono stati considerati tutti gli studi randomizzati controllati che comprendevano come criteri d’inclusione tutte le donne di qualsiasi razza sottoposte a taglio cesareo in qualsiasi modalità anestesiologica.

Sono stati considerati gli interventi di riscaldamento sia attivi che passivi. L’outcome primario era la temperatura centrale della madre.

RISULTATI

Sono stati inclusi 12 studi per un totale di 719 pazienti.

Il riscaldamento di liquidi per via endovenosa è risultato essere efficace nel mantenere la temperatura corporea della madre e nel prevenire l’insorgenza di brividi. Però questa metodica non ha migliorato la temperatura del neonato.

Il riscaldamento tramite dispositivi ad aria forzata e i materassi a polimeri di carbonio si sono dimostrati efficaci nel prevenire l’ipotermia. L’efficacia aumenta quando vengono utilizzati già in fase preoperatoria e migliorano anche la temperatura del neonato.

Gli autori evidenziano anche che i sistemi di riscaldamento sono meno efficaci quando gli oppioidi vengono somministrati per via spinale.

NOSTRA OPINIONE

In tutti i pazienti sarebbe auspicabile rilevare e monitorizzare la temperatura corporea, compresi tutti i pazienti sottoposti ad anestesia subaracnoidea, in quanto con il blocco del sistema nervoso simpatico viene meno la percezione del freddo e di conseguenza anche i meccanismi di termoregolazione.

Il sinergismo di più sistemi  di riscaldamento porta al miglior risultato!